Mozzarella

Chiudiamo la carrellata dei 50 cibi più famosi al mondo con un classico della cucina italiana, la mozzarella. Prodotto tipico della Campania, ha origini antichissime che risalgono al 4° secolo a.C. ma fu un cuoco rinascimentale a scoprirla per quello che è oggi, nel 1570. La mozzarella è un formaggio fresco, soffice e burroso fatto con il latte di mucca. Viene impiegata in numerose ricette ed è l’ingrediente principale dell’insalata Caprese e della pizza napoletana. La sua crema all’interno e il sapore di latte fresco le conferiscono un abbinamento perfetto con un vino bianco leggero. 

Ricotta

La ricotta è un formaggio morbido e leggero ottenuto dal siero del latte. In realtà non è un vero formaggio perché è ciò che resta dopo che il siero viene ri-cotto appunto dopo aver fatto il formaggio. I fiocchi, dolci e delicati, vengono messi in una fuscella dalla forma conica, ed è ottima consumata fresca. E’ possibile anche lasciarla stagionare per alcuni mesi e utilizzarla, dopo averla in questo caso salata, come formaggio dal sapore intenso. Si può fare con il latte vaccino, caprino ed ovino. La ricotta è alla base di molti ripieni di pasta fresca della cucina italiana ed anche di focacce e torte salate. 

Pasta carbonara

La pasta alla carbonara si prepara con guanciale, uova e pecorino romano. Questi semplici ingredienti hanno decretato il successo di un piatto amatissimo a Roma e in tutta l’Italia. Le sue origini sono abbastanza vaghe e si fanno risalire a due diversi momenti storici. Alcuni ritengono che il piatto derivi dai carbonai che solevano preparare la pasta sul fuoco e condirla con le uova e il formaggio. Un’altra teoria popolare attribuisce l’invenzione di questo piatto alla liberazione di Roma nel 1944. In questo caso il bacon e le uova in polvere distribuiti dai soldati americani furono utilizzati dagli italiani per dar vita alla carbonara.  

Spaghetti

Conosciuti in tutto il mondo gli spaghetti sono un marchio italiano per eccellenza. Acqua e semola di grano duro sono gli ingredienti di questa pasta secca, di forma lunga e sottile. Il diametro della pasta è importante per definire gli spaghetti e distinguerli da altri tipi di pasta. Anche il loro aspetto può essere diverso a seconda della trafilatura utilizzzata: quella in bronzo rende la pasta più rugosa ed è indicata per alcuni condimenti. Nel mondo gli spaghetti sono un simbolo del made in Italy. 

Tagliatelle al ragù

Le tagliatelle al ragù sono uno dei piatti top della cucina italiana, in particolare tipiche di quella bolognese. Spesso si confondono con spaghetti, fettuccine e pappardelle ma le tagliatelle sono sinonimo di Bologna, città che ha dato il nome all’ottimo ragù alla bolognese. L’Accademia italiana della cucina ha registrato nel 1982 la ricetta del ragù alla bolognese come l’autentica versione di questo piatto. 

Risotto

Piatto popolare e versatile il risotto è conosciuto nel mondo per la sua versione alla milanese. Burro, riso, zafferano e parmigiano, più il soffritto e il vino bianco decretano il suo successo. Arrivato nel Medioevo in Italia grazie agli Arabi il riso si è poi diffuso nelle pianure del Po, in Lombardia, Piemonte, Veneto dove ancora oggi viene coltivato in molte varietà autoctone. E’ un piatto che si mangia in tutto il mondo, con molte varianti tra gli ingredienti come i funghi, i tartufi, gli asparagi ma anche le fragole e il cioccolato. 

Tiramisù

E’ uno dei dolci classici della cucina italiana ed è famoso in tutto il mondo. Il tiramisù è un dolce a base di biscotti bagnati con caffè, crema al mascarpone, liquore, uova e zucchero. Il suo nome significa proprio “tirare su” lo spirito, cosa che avviene grazie alla delizia di questa golosa preparazione. E’ un dolce molto recente, inventato in Veneto nei primi anni Ottanta del secolo scorso. Il tiramisù perfetto deve essere preparato con caffè espresso e i biscotti essere impregnati del sapore dato da un liquore come il marsala.